La geotermia, gli Etruschi e le formiche

Un suolo fumante da cui sgorgano acqua calda e bolle di fango agisce come un magnete per uomini e fantasie di ogni tempo. Quelle dei curiosi del ventunesimo secolo, ma anche quelle di chi, nella valle del Cecina, da epoca remota ha messo a dimora diavoli, raccontato prodigi e costruito impianti termali. L’approccio “ufficiale” a questi luoghi non può non passare dal parco delle Biancane e dal museo di Larderello; ma per chi si addentra nella valle con intenti vagabondi, disposto a lasciarsi portare dalle pieghe della strada e dai rari cartelli marroni, tra le nuvole di vapore bianco si svelano gradite sorprese.

Il sentiero delle fumarole presso Sasso Pisano

Il sentiero delle fumarole presso Sasso Pisano

Poco fuori dal paese di Sasso Pisano i segnali conducono ad una zona di fumarole affacciata direttamente sulla statale.  Come nel parco di Monterotondo, un sentiero ad accesso libero corredato di qualche pannello esplicativo si arrampica sulla collina tra sbuffi di vapore, concrezioni giallastre e cespugli di erica; percorrendolo fa compagnia il borbottio del fango che tradisce la propria presenza subito sotto la superficie del suolo.  Superata la zona di fumarole il sentiero continua, per ricongiungersi ad un anello più lungo che raggiunge le Biancane.

Continuando lungo la strada, a guidarci è la toponomastica: seguendo l’indicazione “Il bagno” si giunge infatti a un luogo dove, in virtù della sorgente di acqua termale, passato e presente camminano a braccetto. Prima si incontrano delle piccole piscine naturali, accessibili facilmente dal sentiero, e poco oltre, al di sotto di una apposita copertura, si estendono le due aree scavate di un grande complesso termale e sacro in uso dal III sec. a.C. al III sec. d.C. L’area archeologica è recintata e non aperta al pubblico, ma costeggiandola si distinguono le colonne del porticato, i muri in grandi blocchi di pietra e le vasche rivestite di cocciopesto (qui è possibile scaricare una brochure).

L'area archeologica in loc. Il Bagno, con i resti delle terme etrusche e romane

L’area archeologica in loc. Il Bagno, con i resti delle terme etrusche e romane

Tutto intorno l’area è curata a prato,  con comode aree di sosta  e tavoli per picnic. Per arrivare, dopo aver deviato dalla strada asfaltata (SP49), bisogna fermare l’auto all’altezza della prima colonica e scendere nel sentiero chiuso da un cancello (ma con passaggio pedonale accessibile) sulla destra.

il_bagno

Procedendo in direzione di Pomarance sulla SR439, il panorama si apre e sullo sfondo spunta la massa bianca e rassicurante della Rocca Sillana,  ben visibile da tutti i colli circostanti. Oltrepassato Montecerboli sulla sinistra si scorge l’inizio di un sentiero: è la via che conduce all’eremo di San Michele alle Formiche, i cui ruderi sono ben visibili in alto, sulla vetta del colle di Spartacciano. Anche qui, il tempo e l’acqua termale hanno stratificato leggende, fede e speranze.  Dell’eremo costruito alla fine del XIV secolo dai monaci celestini restano solo pochi tratti di muro diroccato, ma il fascino del nome e della storia a cui è legato si imprimono bene nella memoria: le formiche sono quelle (alate!) che ogni anno, sul volgere del mese di settembre, si sarebbero riunite sulla campana dell’eremo finché questa non fu trasportata a Pomarance nella torre del Marzocco, nel XVIII secolo. Da quel momento anche le formiche si sarebbero spostate, nella speranza di riuscire, un giorno, a rimettere la campana al suo posto. In Italia sono diversi i santuari legati alle formiche, tutti dedicati a san Michele o alla Vergine: il periodo in cui le formiche alate sciamano, infatti, coincide grossomodo con quello in cui ricorrono la celebrazione dell’arcangelo (il 29 settembre) e la natività della Vergine (l’8 settembre).

Il panorama della val di cecina dall'eremo, con la rocca Sillana e le grandi torri di raffreddamento delle centrali geotermiche

Il panorama della val di cecina dall’eremo, con la rocca Sillana e le grandi torri di raffreddamento delle centrali geotermiche

Sotto il poggio, invece, lungo il corso del fosso Radicagnoli, le propaggini del bosco abbracciano le rovine di un edificio termale, le cui pareti scrostate rosse e blu fanno capolino tra la vegetazione. Una locanda e una piscina, divise dall’acqua e unite da un’arcata coperta che riparava dal freddo e dall’indiscrezione chi sgattaiolava dalle terme alla propria camera. Non voluttuoso luogo di piacere, ma di incontro tra miserie e malattie, queste terme (note già da epoca romana e usate nel periodo di vita del soprastante monastero) furono a lungo meta di malati di lebbra, piaghe e artrite.

Il passaggio coperto sul torrente che conduceva dall'albergo alla zona termale

Il passaggio coperto sul torrente che conduceva dall’albergo alla zona termale

Nell’ottocento proprietario dell’edificio fu il conte eponimo del centro più importante della zona, De Larderel, che ne curò il restauro, finché nel ventesimo secolo il complesso cadde completamente in disuso.

Ma ancora una storia, di cui oramai sfuggono i dettagli, si nasconde alle pendici del poggio, poco distante dalle terme: una brevissima deviazione dal sentiero, ben segnalata con l’indicazione “Pozzo della campana“, conduce ad una cascata del torrente. Dopo un breve salto l’acqua si tuffa in una pozza molto profonda, laddove una campana, inghiottita dalla voragine, lascerebbe ancora udire i suoi rintocchi a chi si bagna in quelle acque. Magari una campana sfuggita dalle zampe di una formica alata, che la stava portando via…

il_pozzo

A Palestrina, nello scheletro della città

Da Palestrina si vede il mare. È il mare della costa latina, che luccica in fondo al panorama, dove il cielo incontra la striscia untuosa e grigia che abbraccia le cupole della Capitale. Si fronteggiano, il mare e la cittadina, e insieme non si possono guardare.

Palestrina è uno scheletro possente vestito dei secoli passati. Si sale dai piedi, con delle comode scale mobili che impediscono di percepire le prime balze del pendio, ancora miste di asfalto e di verde. Le vie e le case si accomodano sopra di noi, ordinate, quelle dietro messe sopra, come nei disegni dei bambini: sono disposte sulle terrazze che salgono alla cima del monte Ginestro. Immoti, ci sopportano gli incombenti muri grigi che abbracciano la collina, un puzzle di forme irregolari che si completano vicendevolmente; impossibile non illudersi di respirare la stessa aria di chi ha calcato quella via nei secoli passati, forse col fiato sospeso, forse intimorito, magari con il pensiero fisso a ciò che gli avrebbe risposto la Dea.

I muri di sostegno dei terrazzamenti del santuario della Fortuna Primigenia, in opera poligonale e opera incerta

I muri di sostegno dei terrazzamenti del santuario della Fortuna Primigenia, in opera poligonale e opera incerta

La città medievale si insinua come un rampicante sulle vestigia del grande santuario ellenistico dedicato a Fortuna: allora come oggi, dal foro (oggi piazza Pierluigi) si ascendeva verso il santuario vero e proprio, attraverso un sapiente gioco prospettico di rampe, fronti porticate e affacci scenografici sulla valle, sempre pronta a sorprendere chi, distratto dal suo percorso sacro, avesse osato rivolgere in basso il proprio sguardo. Per noi la salita avviene attraverso una strada che fiancheggia i muri, e nel santuario si entra dall’alto; ma i muri si capiscono davvero solo sulla via del ritorno, quando sovrastano la punta del nostro naso rivolta all’insù, e sopra c’è solo cielo.

La "terrazza degli emicicli" del santuario

La “terrazza degli emicicli” del santuario

Oggi in corrispondenza dell’ultima terrazza, quella che ancora ospita l’antica cavea teatrale che completava il santuario, c’è il palazzo Barberini; dalla facciata spuntano le basi del colonnato che correva lungo il gradino più alto, nel mezzo dell’orchestra si accomoda un bel pozzo secentesco. Eppure l’insieme non disturba, l’archeologo purista tace e per un attimo gode a giocare nel sole di quel cortile raccolto, sullo sfondo della scena disegnata dalla natura, con lo stesso profilo, in tempi remoti.

La cavea dell'ultima terrazza trasformata in cortile del palazzo Orsini

La cavea dell’ultima terrazza trasformata in cortile del palazzo Barberini

Dentro il palazzo, adesso museo archeologico, si cela la testa dello scheletro. Il nucleo del muro circolare della tholos di Fortuna, che si ergeva alla sommità della cavea, è ancora lì; intorno a lui si stringono i resti del passato, i fasti delle decorazioni pavimentali, il luccichio dell’oro e del bronzo, i volti austeri e le vesti svolazzanti delle sculture di marmo che hanno sempre abitato quel luogo. Ed è qui che Palestrina ci regala l’ultima sua fantasia: un viaggio in volo sul Nilo, dalla foce alle sorgenti, sul percorso tracciato dalle tessere luccicanti del mosaico con paesaggio africano.

Il mosaico a soggetto nilotico proveniente dall'area del foro

Il mosaico a soggetto nilotico proveniente dall’area del foro

Una mappa popolata di animali e creature fantastiche, di piccole scene e paesaggi inondati di luce in cui perdersi, un racconto disegnato narrato dalla voce del tempo.

palestrina_4

Palestrina si trova a circa 45 chilometri da Roma e si raggiunge comodamente in auto. Con il biglietto di 5 euro del Museo Archeologico si visita anche l’area archeologica del santuario (info http://www.polomusealelazio.beniculturali.it/index.php?it/228/museo-archeologico-nazionale-prenestino).

La “Forza” della natura

“Se ‘un si va, ‘un si vede”. Fedele al proprio motto, il sentiero maremmano di Tracce ha deciso di concedersi qualche deviazione al di là dei confini del blog, indulgendo a saltuarie incursioni nei luoghi che hanno lasciato un segno più profondo; con questo post si inaugura una nuova categoria, Fuori Traccia, una finestra che ogni tanto aprirà sulla luce di un lido lontano.

 

La traversata per raggiungere le Skellig è breve, ma l’Atlantico è oceano, lo sa e ama ricordarlo a chi osi solcarne la superficie; bisogna farsi piccoli, per arrivare alle Skellig, chiedere il permesso all’acqua e alle rocce, rispettarne il fragore e magari patire anche un pochino. Allora ti concedono di essere guardate, due coni aguzzi che escono dalla bruma, ti lasciano assistere alla magia del sole che satura i verdi e delle nubi che li spengono all’improvviso.

DSC_2126

Small Skellig, la più piccola delle due isole, con la sua colonia di migliaia di sule. Qui l’approdo non è consentito.

L’approdo è un salto in sincronia con la risacca, poi uno scoglio scivoloso e una fila di scalini: il vento taglia le parole, e ancora frastornati, col naso che guarda la punta dei piedi, si comincia a salire. Intorno solo spruzzi, ali, richiami, incuranti della sottile colonna di bipedi, oggi come allora incappucciati, che si arrampica piano piano.

La scalinata che conduce alla cima dell'isola

La scalinata che conduce alla cima dell’isola maggiore, Skellig Michael

I gabbiani fieri, le sule dal petto abbagliante, le gazze di mare si lanciano dal tratto di scogliera più alto e dritto, dimostrano tutto il loro coraggio ai piccoli che aspettano il pranzo; e la testa gira in un senso di vertigine, spezzato dal pungente odore di guano che toglie ogni dubbio sulla realtà di quello spettacolo.

gabbiani_rasorbill

Da sinistra, in senso orario: gabbiano tridattilo (Rissa tridactyla), gazza marina (Alca torda), mugnaiaccio (Larus marinus).

Salendo sul fianco di Skellig Michael (Great Skellig) gli scalini di cemento lasciano presto il posto a un sentiero in terra battuta e ad altri scalini, di pietra, limati da piedi leggeri e mangiati dalla salsedine. E qui si entra nel mondo più piccolo e discreto delle puffin, le pulcinelle di mare.

Pulcinella di mare (Fratercula arctica)

Pulcinella di mare (Fratercula arctica)

Piccole, goffe, con il muso da clown; fanno il nido in terra, nelle balze coperte di erba, e quando si devono tuffare ci pensano bene, sembrano contare prima fino a tre. Non volteggiano con le ali ferme e spiegate, fanno fatica e quando tornano su col becco pieno di pesci luccicanti si tira un sospiro di sollievo. Luglio è il periodo della riproduzione per questi volatili, che per tutta l’estate nutrono i piccoli nascosti nei nidi.

puffin 2

Pulcinella di mare (intimità rubata)

Al termine della salita, sulla punta di Skellig, si svela il motivo di quel viottolo verso le nuvole: un gruppetto di igloo di pietra, abbastanza tondi per resistere al vento, abbastanza scomodi per ispirare una strenua preghiera. Sono i nidi dei monaci cristiani che dal VI sec. al XII hanno vissuto qui, sopravvivendo al mare, al gelo, alle incursioni vichinghe.

DSC_2280

Le celle del monastero sulla cima di Skellig Michael. Sullo sfondo Small Skellig

Passati i secoli, passati i monaci, gli uccelli sono ancora qui: Skellig Michael è riserva naturale integrale e sito ritenuto patrimonio dell’Umanità, protetto dall’Unesco. Un santuario della natura se non più della fede, in cui solo chi prenota per tempo, e per tre ore soltanto, può osare mettere piede. A meno che non sia un guerriero Jedy alla ricerca di sé…

Due fotogrammi del film "Star wars - the Force Awakens"

Due fotogrammi del film “Star wars – the Force Awakens”

L’oasi WWF di Bosco Rocconi e Roccalbegna

Pensavamo di andare in montagna, e invece la strada per Bosco Rocconi scende. Scende poco fuori dal paese di Santa Caterina (per chi viene da nord) e subito diventa bianca, mentre ai lati, dietro le piante, all’improvviso si impennano brulli scogli di marmo rosato; mentre la valle si restringe e la quota si abbassa, a sinistra fa capolino il letto, secco e acciottolato, di un accora sottilissimo Albegna.

La valle in cui si estende l'Oasi

La valle in cui si estende l’Oasi

L’ingresso all’Oasi è ai piedi della rupe più grande, la prima attrazione dell’area; è qui infatti che nidificano i falchi, il Lanario e il Pellegrino, che perlustrano la rocca seguendo i loro invisibili confini. I rapaci sono il principale motivo dell’esistenza dell’Oasi, nata proprio per salvaguardare un territorio rimasto selvaggio e poco toccato dall’intervento dell’uomo.

La prima tappa della nostra esplorazione è una brevissima arrampicata fino all’osservatorio nascosto proprio di fronte alla rupe dei falchi: qui è piazzato un cannocchiale, che ci svela indiscreto i segreti del nido e della cova. Il silenzio e il vento raccontano l’inaccessibilità di quelle pareti e il privilegio di poterne essere ospiti fugaci; lo sguardo affonda sulle cime degli alberi e rimbalza verso il cielo.

La rupe dove nidificano i falchi

La rupe dove nidificano i falchi

Dopo la presentazione al falco, Sonia, appassionata custode guardiana del luogo, ci guida nella passeggiata “lunga”, quella che permette di toccare tutti gli ambienti che la valle racchiude. Lungo il corso del torrente Rigo, affluente fantasma dell’Albegna, si passa infatti dai boschi ai prati, dagli stagni alle radure, dalla macchia alle spiagge del fiume.

Dall'alto, in senso orario: anemone bianco, anemone viola, elleboro, orchidee selvatiche

Dall’alto, in senso orario: anemone bianco, anemone viola, elleboro, orchidee selvatiche

Il bosco è formato prevalentemente da querce; a terra uno spudorato ricamo rosa e bianco di ciclamini e anemoni rallenta ogni passo, e l’attenzione si frantuma in tante piccole scoperte. Le orchidee selvatiche, le ranocchie che ti guardano, i falchi che girano intorno al loro posatoio preferito, il gorgoglio del fiume sempre più vicino.

rane_bosco_rocconi

Quando arriviamo alla confluenza del Rigo con l’Albegna è ora di fermarsi un po’; l’acqua è limpidissima e scivola sui roccioni rossi per sparire in pozze e piscinette. Dal fiume il percorso risale attraverso un tratto pianeggiante ombreggiato da pioppi, tra ciclamini, giacigli di cinghiali e carbonaie, forse l’unica traccia davvero umana in questo luogo.

Due tratti del corso del fiume Albegna

Due tratti del corso del fiume Albegna

Il sentiero si chiude ad anello e, dopo un’ultima salita, conduce di nuovo all’ingresso dell’Oasi. Lentamente si riemerge dalla valle, il verde lascia il posto al giallo, al grigio e al cielo; un rapace ci taglia in picchiata la strada e controlla che stiamo andando via per davvero. “Qui è mio, eh?“…

Tornati sulla statale, una breve sequenza di tornanti conduce a Roccalbegna. Già da lontano il borgo medievale si presenta con le sue due rocche (il Cassero Senese e la Rocca Aldobrandesca), prosecuzione artificiale dei due spuntoni rocciosi tra cui è incuneato il paesino.

Roccalbegna vista dalla strada

Roccalbegna vista dalla strada

Soltanto i musi grotteschi della fontana vicina al ponte sull’Albegna spiano interdetti i nostri passi tra le stradine, mentre, per una volta senza guida e senza tappe prestabilite, ci attardiamo sospesi nel tempo immobile di un insolito lunedì di ferie.

fontana

Per chi volesse visitare l’Oasi di Bosco Rocconi è necessario prendere contatto telefonico direttamente con i guardiani del parco e fissare il giorno della visita. Il numero di riferimento per le informazioni è 320/8223972, da qui sarete reindirizzati direttamente ai guardiani del parco.

Il castello, gli etruschi e il mare

Tre fermate, tre bandierine per un itinerario insolito che scende dalle colline al mare, attraverso la grande spianata che fu del Lacus Prilis; un itinerario che si avvolge e si srotola lungo le direttrici che seguono e segnano i confini dei campi e i fianchi delle colline. Una via che abbiamo percorso a ritroso, vagando di cartello in cartello, e che si è conclusa con la soddisfazione che solo le imprese cominciate senza troppa aspettativa possono regalare. Che vogliate partire dalla storia o dalla natura, lungo l’itinerario troverete tre pertugi attraverso cui spiare la Maremma in una delle stagioni che più le rendono giustizia.

Il castello è il piccolo borgo di Tatti. Aggrappato alla sua collina, ai margini settentrionali della grande pianura, vicino a Montemassi e Roccatederighi, attraverso la foschia “guarda” Sticciano e il mare.

L'ingresso dalle mura, la piazza principale, uno scorcio

L’ingresso dalle mura con il torrione sulla destra, la piazza principale, uno scorcio

Delle mura del castello, ricordato nei documenti già dal IX sec., resta il ricordo nelle porte e nell’andamento delle case, strette in un abbraccio tondo e collegate le une alle altre da terrazze, vie coperte, scalette. Le porte di accesso sono due e al centro del borgo si trova la piazza principale, con la chiesa di S. Maria Assunta e la cisterna.

L'affaccio sulla piazza del paese

L’affaccio sulla piazza del paese

Gli Etruschi sono quelli che gravitavano attorno alla ricca città di Vetulonia e che hanno scelto come ultima dimora la necropoli di S. Germano, dove adesso a stento si distinguono i tumuli a due passi dai filari. Oggi nell’area sorge l’azienda vinicola Rocca di Frassinello, che sui cartelli marroni è sempre la prima indicazione. Seguendoli e costeggiando per un tratto l’Aurelia su una strada bianca si giunge al cancello dell’azienda: da qui la strada prosegue per poche centinaia di metri, segnalata con indicazioni verdi, fino all’area archeologica. Il percorso include soltanto tre dei trenta tumuli individuati, di VII e VI sec. a.C.: restituiti in tutta la loro dignità, ben protetti e segnalati, si allargano sotto il sole che oramai invade le camere senza copertura.

I tumuli, con la volta crollata all'interno

I tumuli, con la volta crollata all’interno

Il mare, infine, è quello discreto delle Marze, quello dall’altra parte della duna. Quello di cui si può sentire anche solo il rumore restando nel sentiero al di qua dell’argine di sabbia, al riparo dei ginepri e sotto i pini dove stride la ghiandaia e anche le farfalle fanno i picnic.

La ghiandaia (Garrulus glandarius)

La ghiandaia (Garrulus glandarius)

Una farfalla intenta a "mangiare"

Una farfalla intenta a “mangiare”

La chiesina di S. Croce a Monterotondo Marittimo

Lungo la strada per Monterotondo Marittimo (la ss 439), all’altezza della località Filetta, un cartello di legno scritto a mano indica l’imboccatura del sentiero per raggiungere la chiesa di S.Croce. Il primo tratto di strada è piano, largo abbastanza da poterlo percorrere in macchina, ma il bosco invita a godersi fin dall’inizio la passeggiata e il silenzio, e in un’oretta di cammino si raggiunge la meta.

Il sentiero per la chiesa di S. Croce

Il sentiero per la chiesa di S. Croce

La nostra destinazione è la chiesina che sorge, ad un’altezza di 732 m, sul monte S. Croce; il sentiero per raggiungerla si snoda in una luce verdolina, filtrata dal bosco di lecci e aceri, le cui foglie stellate punteggiano di giallo il terriccio e il muschio. Il colore intenso dei ciclamini buca l’ombra qua è là.

Una foglia di acero campestre

Una foglia di acero campestre

La cappella, piccola e raccolta, sorge su un pianoro; stando alla documentazione storica, è tutto ciò che rimane di un romitorio di Agosiniani collegato al convento sorto vicino a Gerfalco nel 1323 e soppresso, con tutti gli ordini e gli enti religiosi, dal Granduca Pietro Leopoldo a fine Settecento. La chiesetta, divenuta in seguito privata, ancora oggi è meta in festività particolari di pellegrinaggi e feste di fedeli. La sua struttura così semplice e composta si inserisce perfettamente nell’ambiente circostante: il paletto della porta cigola, una lama di luce penetra e sull’intimità dell’unica navata coperta a botte. Richiudiamo subito, ché sembra di disturbare.

La facciata della chiesa

La facciata della chiesa

Ma, come spesso accade nelle nostre girate, è anche stagione di funghi. Sembra che attraversino la strada all’improvviso, famigliole a passeggio col cappello della domenica: cappelli vermigli, le russole; cappelli di velluto, i porcini; berretti di lana grezza, le vesce.

La varietà di funghi sul sentiero

La varietà di funghi sul sentiero

Nell’immagine, dall’alto in senso orario, russole, Mycena rosea, Lycoperdon perlatum (vescia) e Entoloma incanum. Nel bosco abbondano anche i porcini: ma, ahinoi, anche stavolta non sono di quelli buoni da mangiare…

boletus

Una famigliola di Boletus luridus